L’ascensore ai tempi del Coronavirus

 In Attualità

Il Covid-19, partito dalla Cina a gennaio 2020, si è velocemente diffuso nel mondo intero. La crisi sanitaria si è fatta sentire forte in Europa, in un primo momento creando criticità in Italia (che ha subito preso decisioni drastiche per fronteggiare il problema) e poi nelle altre nazioni.

Sul numero 3/2020 di Elevatori Magazine puoi leggere tutti i contributi dalle principali associazioni di categoria di tutto il mondo nello speciale dedicato all’emergenza Covid-19.

Sono intervenuti:

Zhang Lexiang (China Elevator Association)

Zhang Lexiang, segretario generale della China Elevator Association

Donald Gelestino, presidente di Naec e di Champion Elevator Corp.

Donald Gelestino, presidente di Naec e di Champion Elevator Corp.

Nick Mellor, Managing Director di LEIA (Lift and Escalator Industry Association) –

Nick Mellor, managing director di LEIA (Lift and Escalator Industry Association)

Roberto Zappa, presidente ELA

Roberto Zappa, presidente ELA (European Lift Association)

Markus Pitscheider, Segretario Generale di OITAF, Organizzazione Internazionale Trasporti a Fune

Markus Pitscheider, segretario generale di OITAF, Organizzazione Internazionale Trasporti a Fune

Gianni Robertelli, presidente di Anica

Gianni Robertelli, presidente di Anica (Associazione Nazionale delle Industrie di Componenti per Ascensori)

Angelo Fumagalli, presidente di Anie AssoAscensori

Angelo Fumagalli, presidente di Anie AssoAscensori

Andrea Codebò (in foto), Presidente nazionale dell’associazione Anacam

Andrea Codebò, presidente nazionale di Anacam (Associazione Nazionale Imprese di Costruzione e Manutenzione Ascensori)

Francesco Burrelli, presidente di Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari

Francesco Burrelli, presidente di Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari)

Nick Mellor, Managing Director LEIA (Lift and Escalator Industry Association), ha inoltre inviato alla redazione di Elevatori Magazine un secondo commento (a metà aprile 2020), per aggiornare il primo intervento pubblicato sul n. 3 2020 della rivista:

“Scrivo questo commento mentre ci avviciniamo al picco dell’epidemia di Covid-19 nel Regno Unito. Abbiamo osservato con interesse l’esperienza dell’Italia, visto che siamo indietro di due settimane. Siamo incoraggiati dal fatto che in Italia vi sia ora una chiara tendenza al ribasso del numero dei nuovi casi e che venga presa in considerazione la rimozione di alcune restrizioni.

Anche nel Regno Unito abbiamo avuto severe restrizioni di movimento per tre settimane e molti hanno lavorato da casa per quattro settimane. Coloro che svolgono un lavoro essenziale stanno imparando il distanziamento sociale / fisico. L’effetto sperato è quello di abbassare il numero di casi di COVID-19 e il numero di vittime ogni giorno: questi dovrebbero iniziare a ridursi nei prossimi giorni.

Molti nel nostro settore mantengono fanno manutenzione ad ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili, piattaforme elevatrici e montascale, essenziali per l’edificio e i loro utenti. Stiamo imparando quale lavoro essenziale dobbiamo fare per mantenere le attrezzature in funzione in modo sicuro e cosa può essere ridotto per ridurre al minimo i contatti sociali. Stiamo imparando a sostenere coloro che lavorano in funzioni critiche, in particolare coloro che lavorano nel nostro sistema sanitario e coloro che si affidano alle loro attrezzature.

Sebbene il governo non vieti i lavori di costruzione, è difficile seguire le direttive sul di distanziamento sociale e fisico.  Alcuni cantieri sono in funzione e alcune installazioni stanno procedendo, ma gran parte delle nuove installazioni è stata bloccata.

Il governo del Regno Unito ha messo in atto programmi per sostenere i posti di lavoro di coloro che non possono lavorare e dispone di programmi di prestito per le aziende.  Inevitabilmente, ci vuole del tempo per mettere a punto questi programmi e per far sì che le aziende ricevano il sostegno.  Anche con questi programmi in funzione, dovremo iniziare a rimuovere presto le restrizioni.

Dopo questo periodo iniziale di gravi restrizioni, dovremo trovare il modo di lavorare convivendo con il  COVID-19.  Molti, il cui lavoro può essere svolto a distanza, stanno imparando nuovi strumenti e nuove tecniche.  Tuttavia, il nostro settore si basa sul lavoro in loco e dovremo trovare il modo di installare e mantenere le apparecchiature senza trasmettere il COVID-19.

Questo accadrà mentre ci adattiamo e impariamo a lavorare con la nuova realtà. Ci accorgiamo sempre di più di quanto resilienti e adattabili siano le persone del nostro settore”.

Share