Thyssenkrupp vende Elevator Technology

 In Attualità

Thyssenkrupp vende interamente la divisione Elevator Technology  a un consorzio guidato dalle società di private equity Advent, Cinven e da RAG Foundation. La decisione del Consiglio di amministrazione è stata approvata giovedì 27 febbraio 2020 dal Consiglio di sorveglianza di Thyssenkrupp AG. L’accordo di acquisto è stato firmato e la chiusura della transazione è prevista entro la fine dell’anno fiscale in corso. Il prezzo di acquisto è di € 17,2 miliardi.

Thyssenkrupp reinvestirà parte ricavato dalla vendita (€ 1,25 miliardi) , ipotizzando la chiusura dell’operazione entro il 30 giugno 2020, in una partecipazione nel settore degli ascensori.

La transazione è soggetta all’approvazione dell’antitrust tedesca, sebbene Thyssenkrupp non si aspetti che le autorità competenti abbiano riserve. I proventi della transazione rimarranno all’interno della società e saranno utilizzati per rafforzare il bilancio. Oltre a ciò, i proventi devono essere utilizzati per far avanzare lo sviluppo delle attività rimanenti e del portafoglio.

Come annunciato nell’Assemblea generale annuale di fine gennaio, Thyssenkrupp sta procedendo alla fase di analisi in modo che una decisione sull’uso concreto dei fondi possa essere presa a maggio.

Martina Merz, CEO di thyssenkrupp AG:  “Con la vendita, stiamo aprendo la strada affinché Thyssenkrupp abbia successo. Non solo abbiamo ottenuto un ottimo prezzo di vendita, ma saremo anche in grado di completare rapidamente la transazione. Ora è fondamentale per noi trovare il miglior equilibrio possibile per l’utilizzo dei fondi. Ridurremo il debito per quanto è necessario e allo stesso tempo investiremo quanto è ragionevole nello sviluppo della società. Con questo, Thyssenkrupp può riprendere velocità”.

La vendita di Elevator è una soluzione favorevole non solo per l’azienda, i suoi azionisti, clienti e dipendenti, ma anche per l’attività stessa degli ascensori. Nel consorzio, Thyssenkrupp ha trovato nuovi proprietari per il settore degli ascensori che hanno una vasta esperienza industriale e offrono alla forza lavoro un alto livello di sicurezza. Gli acquirenti hanno una solida esperienza in società che crescono e alimentano proficuamente per diventare campioni globali.

Nelle trattative con i rappresentanti dei dipendenti e il sindacato IG Metall, gli acquirenti si sono impegnati a garantire ampie garanzie sul posto di lavoro e sull’occupazione. Inoltre, è stato concordato che gli acquirenti continueranno a gestire Thyssenkrupp Elevator come gruppo globale. La compagnia rimarrà anche in Germania e la codecisione dei dipendenti continuerà. Ciò significa che la soluzione è in linea con la comprensione della responsabilità sociale di Thyssenkrupp.

“Non siamo lieti di separarci dai nostri dipendenti e dal settore degli ascensori. Tuttavia, oggi è una buona giornata per tutti i soggetti coinvolti. Con questo passaggio, apriamo prospettive reali per il futuro: per il business degli ascensori come società indipendente e, con la solidità finanziaria che abbiamo guadagnato, anche per tutte le altre aree di Thyssenkrupp”, ha aggiunto Martina Merz.

La transazione rafforza la base azionaria di Thyssenkrupp

Thyssenkrupp intende utilizzare l’afflusso di cassa nella misura necessaria per ridurre il debito e ridurre i costi strutturali. In particolare, gli obblighi pensionistici della società devono essere parzialmente finanziati. A tal fine, i fondi devono essere portati sotto un trust legalmente indipendente. È previsto che, oltre ai contanti, i reinvestimenti nel settore degli ascensori vengano trasferiti al fondo fiduciario in modo da poter partecipare al previsto aumento di valore del business.

Inoltre, Thyssenkrupp prevede di utilizzare una parte dei proventi per ridurre significativamente il debito finanziario. Di conseguenza, il deflusso annuo di liquidità per pagamenti di interessi e pensioni dovrebbe essere significativamente ridotto. Pertanto, i costi strutturali della società potrebbero essere notevolmente ridotti. Ciò compenserebbe ampiamente la futura perdita di contributi in contanti positivi dal settore degli ascensori.

Alla chiusura della transazione, la base azionaria di Thyssenkrupp AG sarà notevolmente rafforzata. La società punta a un rating investment grade. Inoltre, Thyssenkrupp lavora per riguadagnare la possibilità di un regolare pagamento dei dividendi. Il flusso di cassa libero prima delle fusioni e acquisizioni deve essere migliorato e portato a cifre positive entro i prossimi due anni.

Rapida attuazione della ristrutturazione del Gruppo mirata

Con una riguadagnata solidità finanziaria, Thyssenkrupp avrà maggiori possibilità di attuare la propria trasformazione. L’obiettivo primario è un rapido e sostanziale miglioramento delle prestazioni delle imprese (“prima le prestazioni”). Le misure necessarie sono già ampiamente identificate e sono attualmente in fase di attuazione.

Inoltre,Tthyssenkrupp ha annunciato che elaborerà piani specifici per l’ulteriore sviluppo delle varie attività e le presenterà al Consiglio di vigilanza a maggio. Su questa base, Thyssenkrupp intende quindi prendere decisioni di portafoglio come quelle che continuerà a sviluppare da sole, che hanno maggiori probabilità di raggiungere una posizione di leader in un’alleanza e che si svilupperebbero meglio con una nuova proprietà. Thyssenkrupp sarà quindi in grado di procedere di conseguenza all’attuazione delle misure e alla ristrutturazione della società una volta ricevuto il pagamento del prezzo di acquisto.

 

Share