Covid-19, le reazioni delle aziende del settore.
E il virologo avverte…

 In Attualità

COVID-19: restano aperte le aziende ascensoristiche

Le aziende ascensoristiche sono state autorizzate ad operare dal Decreto del Presidente del consiglio dei ministri firmato domenica 22 marzo 2020. Le aziende di installazione, riparazione e manutenzione degli ascensori sono state infatti inserite nell’elenco delle attività considerate indispensabili al Paese in questo momento di emergenza. Dunque le imprese associate Anacam, sono e restano operative su tutto il territorio nazionale al servizio della collettività. (aggiornato il 23/03/2020)

Eventi e fiere rimandati, problemi logistici, riorganizzazioni aziendali per favorire il telelavoro, nuove necessità di tutelare la salute dei dipendenti che continuano a lavorare nelle sedi aziendali: per il settore ascensoristico, come per il resto dell’industria, del Paese e delle nazioni in tutto il mondo, l’emergenza Coronavirus rappresenta una sfida nuova, inaudita e dalla portata inimmaginabile fino a qualche settimana fa. Ma le risposte non si fanno attendere e tra chi si dota a grande velocità di tutti i dispositivi di sicurezza richieste dalle norme varate in tutta fretta dal governo italiano prima, e a seguire da un numero sempre maggiore di Paesi, chi sanifica tutti gli spazi di lavoro, chi organizza il lavoro da remoto per il maggior numero di dipendenti possibili, tutti stanno affrontando con grande impegno e serietà la situazione di emergenza.

Il virologo Pregliasco: “In ascensore uno alla volta”

Quali precauzioni adottare quando si deve prendere l’ascensore? La redazione di Elevatori Magazine lo ha chiesto al virologo Fabrizio Pregliasco. Ecco tutti i suoi consigli…

Coronavirus

Il Coronavirus modifica l’agenda del settore

Pubblichiamo le informazioni che giungono in redazione riguardo alla sospensione di alcuni eventi in agenda nelle prossime settimane, rinviati a causa dell’emergenza Coronavirus. TUTTE LE NUOVE DATE

Elevcon 2020 rimandato di un anno, la lettera del presidente

E c’è anche chi propone soluzioni innovative e tecnologiche per aiutare a contenere i contagi.

Vi proponiamo qui alcune delle best practices che  ci vengono comunicate. Per ogni segnalazione alla redazione, potete scrivere all’indirizzo mail mailto@elevatori.it.

Anica, il messaggio del presidente Robertelli

Il presidente di Anica Gianni Robertelli ha diffuso il seguente messaggio: “Le Aziende associate Anica, vicine o lontane dai focolai d’infezione, si stanno​ muovendo nel pieno rispetto delle Disposizioni Governative. Il primo passo importante di Anica è stato spostare la nostra fiera Lift Expo Italia in periodo sicuro, al di fuori quindi dei mesi giudicati critici per gli spostamenti, in Italia e dall’estero. La nuova data ufficiale è infatti 30 Sett. 1,2 Ottobre 2020. La nostra comunicazione, tramite i social ed Anicanews, mira ad aggiornare gli Associati sui provvedimenti governativi, con particolare attenzione alle parti che maggiormente possono coinvolgere i nostri iscritti. Vedi interpretazione del “DECRETO CURA ITALIA” e il “Protocollo condiviso di regolamentazione negli ambienti di lavoro” . ANICA si è attivata spostando su piattaforma web Consigli Direttivi, Commissione Tecnica, formazione. Difatti Il 25/3​ è prevista una prima riunione Assembleare ed il 27-3 la riunione della Commissione Tecnica. Seguiranno dei corsi di formazione , il 2 Aprile e gli altri, con cadenza quindicinale. E’infatti un momento delicato e le aziende hanno necessità di essere supportate maggiormente e in maniera diversa. Certamente abbiamo introdotto un nuovo modo di comunicare che sarà utile anche quando la “tempesta” sarà passata”.

Coronavirus: Anacam fa rete per superare l’emergenza

Dal Piemonte alla Lombardia, dal Veneto al Friuli Venezia Giulia: le aziende associate Anacam fanno fronte comune. Tutto è partito dall’annuncio “Nessuna azienda associata ad Anacam Piemonte sarà lasciata sola”. Parola di Andrea Codebò, presidente di Anacam Piemonte oltre che presidente nazionale Anacam. Vista la situazione delicata legata al virus COVID-19, infatti, si è deciso di mettere in campo un’iniziativa di mutuo soccorso: le aziende associate metteranno a disposizione le proprie risorse per aiutare quelle che si dovessero trovare in difficoltà garantendo che i servizi non subiscano interruzioni. Partito dalla regione di origine del presidente Codebò, l’iniziativa sta prendendo piede in tutta Italia e assume un risvolto sociale importante anche per gli utenti perché la sicurezza non ammette pause. Questa collaborazione tra le aziende associate ad Anacam fa sì che venga mantenuta sempre efficiente la qualità dei servizi, soprattutto laddove l’ascensore rappresenta un mezzo di trasporto di primaria importanza come per esempio negli ospedali. (Aggiornato il 17/03/2020)

Gefran: fronteggiare il Coronavirus con la solidità economica

Maria Chiara Franceschetti, Presidente del Gruppo Gefran, ha detto: “I risultati dell’anno 2019 confermano la stabile capacità del Gruppo di crescere e generare valore anche in un complesso scenario economico con crescente concorrenza sul mercato” aggiungendo una nota sulla situazione attuale creata dalla diffusione del COVID-19 “siamo fiduciosi di avere la solidità necessaria per affrontare il suo prevedibile impatto economico. Come sempre, ci concentreremo sul nostro lavoro e continueremo a lavorare per raggiungere i nostri obiettivi”. (Aggiornato il 16/03/2020)

EFESME partecipa alla videoconferenza di FEPYMA sul Covid-19

Lunedì 16 marzo, EFESME ha partecipato alla videoconferenza organizzata dal suo membro spagnolo, FEPYMA – Federación Española de Asociaciones de Pequeñas e Medianas Empresas de Ascensores, per parlare dell’emergenza COVID-19 e delle misure da adottare nel nostro settore per affrontarlo.

José María Compagni, coordinatore di FEPYMA e suo rappresentante in EFESME, ha moderato l’evento per far luce su molte questioni molto importanti, offrendo ai partecipanti, oltre un centinaio, l’opportunità di presentare le loro opinioni e le loro attuali difficoltà.

L’incontro è stato articolato in quattro diverse sezioni, ognuna delle quali è stata cruciale per comprendere la situazione del settore degli ascensori in Spagna alla luce dell’attuale grave situazione e come le PMI stanno reagendo all’emergenza. Un panel è stato inoltre dedicato all’Italia, che è stata la prima in Europa a ricorrere a misure straordinarie per far fronte alla crisi.

Gli argomenti discussi:
1. Introduzione – RD 463/2020 – Situazione italiana
2. Misure di sicurezza per attività
3. Necessità di dispositivi di protezione

EFESME accoglie con favore la buona iniziativa organizzata da FEPYMA e ha già preso ulteriori provvedimenti per organizzare ulteriori incontri con gli altri membri per monitorare la situazione relativa a COVID-19 nei vari Paesi europei le cui associazioni di ascensori fanno parte di EFESME, per affrontare insieme questa grande emergenza. (Aggiornamenti del 19/03/2020)

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Web EFESME.

IGV Group non ferma gli impianti

Parola d’ordine sicurezza: la tutela dei dipendenti è fondamentale per IGV Group, che non ferma la produzione ma si dota di tutte le protezione a tutela dei lavoratori previste dalla normativa vigente. (Aggiornato il 13/03/2020)

Coronavirus, un metro di… giudizio anche in ascensore

Share